Archivi per la categoria ‘14 Napoli dopo l’Unità’

Napoli dopo l’Unità d’Italia
 Alla morte di Ferdinando, gli succede il giovane Francesco II, che sarà l’ultimo Re delle Due Sicilie. E’ il 1860, e lo sbarco a Marsala dei Mille guidati da Garibaldi è agevolato dall’ammutinamento della marina borbonica, e dalla benevolenza di alcuni generali di stanza in Sicilia; mentre risalgono lo stivale, i garibaldini acquisiscono il consenso dei liberali, della diplomazia inglese e piemontese, della borghesia e perfino della camorra. Francesco II, per non tingere di sangue la capitale, porta il suo esercito a nord, al di là del fiume Volturno, e attende i garibaldini, che affronterà nella battaglia di Caiazzo. Stretti tra l’esercito di Garibaldi a sud e quello piemontese, che nel frattempo penetra da nord sotto il comando di Vittorio Emanuele II, i reggimenti napoletani si arroccano nella fortezza di Gaeta, dove resistono a lungo, ma senza possibilità di ribaltare gli esiti della guerra. Così, con lo storico incontro di Teano, Vittorio Emanuele si vede consegnare tutto il Mezzogiorno d’Italia e il 7 settembre Garibaldi entra a Napoli e, dal balcone di Palazzo Doria d’Angri, annuncia al popolo l’annessione al nascente Stato italiano, sotto la corona sabauda; il plebiscito del 21 ottobre confermerà quest’atto.I successivi sono anni di cambiamento e assestamento, soprattutto per la popolazione, alle prese con una nuova realtà politica e con un governo lontano e indifferente; nelle campagne si diffonde il fenomeno conosciuto come “brigantaggio”, e la repressione è dura, con l’invio di un esercito di 120.000 uomini.
dicembre: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Primavera
Chrysomelon
Praecoquus
Cerasum
Pyrgos
Mecos
Sepeithos Eurisko
Vusciola
Gymnasium