Istituto Comprensivo Statale Campo del Moricino Istituto Comprensivo Statale Campo del Moricino
Attività della Scuola
Attività sul Territoro
Altra Progettualità
Azione F3
Prototipi

Totem Multimediali
Legalità
aedo
Scuola Viva
Moricino - Unesco
Polis Mercato
Polis Mercato II Anno

Natale 2017: Auguri

Natale
Non ho voglia di tuffarmi in un gomitolo di strade
Ho tanta stanchezza sulle spalle
Lasciatemi così come una cosa posata in un angolo e dimenticata
Qui non si sente altro che il caldo buono
Sto con le quattro capriole di fumo del focolare

                                                                                                                                   Giuseppe Ungaretti Napoli 1916

In questa poesia dedicata al Natale Ungaretti racconta del suo ritorno a casa dal fronte della Prima Guerra Mondiale. E’ tornato a casa in licenza, ma è stanco e non vuole fingere di dimenticare neanche per un po’ le atrocità della guerra, tuffandosi tra la gente e nella città in festa. E’ il Natale del 1916 Ungaretti è in licenza a Napoli dove, per un po’, abbandona i pesaggi di guerra. Nel poeta pero’ non c’è voglia di festeggiare: Ungaretti invoca solitudine ed il suo stato d’animo viene trasmesso anche dall’assenza di punteggiatura del testo poetico: un discorso unico composto da segmenti brevi che trasmette nel lettore grande forza evocativa.

Nella prima strofa il poeta Giuseppe Ungaretti ci dice che non ha voglia di passeggiare nelle piccole strade affollate di gente, durante le feste natalizie. Nella seconda strofa, invece, il poeta ci descrive la sua stanchezza morale, nella terza ci dice che preferisce stare da solo in disparte come una cosa posata da qualche parte e poi dimenticata. Nella quarta e quinta strofa, il poeta ci narra che, nell’angolo accanto al camino, sente il tepore delle fiamme che dolcemente lo aiutano a contemplare in silenzio ed assorto nei suoi pensieri, i giochi fantasiosi degli anelli di fumo che si alzano dai ceppi ardenti. Il poeta abbandonandosi in un dolce riposo ritrova pace e la serenità dell’animo.

Questa poesia è un invito dopo più di 100 anni a ritrovare pace e serenità dell’anima. Dopo i recenti fatti di cronaca che ha visto un figlio della nostra comunità scolastica, Arturo, vittima di  una feroce violenza questo invito diventa per noi tutti degno di riflessione profonda.

Collegati qui ...

Dicembre 2017
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Percorso Formativo
Sezione Primavera
Percorso Formativo
Scuola Infanzia
Percorsi Formativi
Scuola Primaria
Percorsi Formativi
Scuola Secondaria
Certificazioni

Storia di Napoli
Strutture dell'Istituto

Sedi Istituto

Storia dell'Istituto

Amministrazione Trasparente

Giornalino on-line

Albo Sindacale

Snodo Formativo Moricino
93284
visitatori