Istituto Comprensivo Statale Campo del Moricino Istituto Comprensivo Statale Campo del Moricino
Attività della Scuola
Attività sul Territoro
Altra Progettualità
Azione F3
Prototipi

Totem Multimediali
Legalità
aedo
Scuola Viva
Moricino - Unesco
Polis Mercato
Polis Mercato II Anno

foto del mese: giugno 2017

                                      Veduta del giardino pensile di Palazzo Reale a Napoli,                                           attribuito a Gabriele Carelli Museo Napoleonico di Roma – 1845

Anche oggi che ho molto visto e viaggiato non saprei immaginare niente di più bello”. Così ricorda la terrazza di Palazzo Reale nei suoi souvenirs Luisa Rasponi, figlia di Gioacchino.

Era notte fonda quando Murat giunse nelle sale del Palazzo che per i successivi sette anni avrebbe abitato come nuovo re di Napoli. Era il 6 settembre 1808. La città era in festa e tutta illuminata. L’indomani, dalla terrazza dei suoi appartamenti, avrebbe contemplato per la prima volta lo spettacolo di quel golfo di cui egli, figlio di un semplice locandiere francese, era divenuto sovrano. 


La splendida accoglienza preparata per il suo ingresso dovette certo fare grande effetto sull’animo del maresciallo dell’Impero, ma fu forse proprio sulla terrazza di Palazzo Reale che cominciò a prender forma quel sentimento di profondo attaccamento alla città e al regno che avrebbe accompagnato Gioacchino fino alla tragica morte di Pizzo.

        Palais de Naples, Cote de l’arsenal Joseph Rebell – 1814 Chantilly Musée Condé

Il dipinto “Palais de Naples, Cote de l’arsenal” di Josef Rebell,  pittore tedesco / austriaco, allievo di Michael Wutky all’Accademia di Vienna, è stato realizzato nel periodo (1811 -1815) in cui l’artista è stato alla Corte di Murat a Napoli. 

***

IL GIARDINO DEL BELVEDERE

Il Giardino pensile che si sviluppa sul lato mare a livello del piano nobile, con affaccio verso il Molosiglio, si può considerare parte del parco della reggia. Molti progetti si conservano negli archivi storici, ma quello realizzato è di Pietro Persico, successivamente modificato per quanto riguarda la pavimentazione e la forma delle aiuole. Il giardino è di forma rettangolare allungata e si compone di singole aiuole rettangolari poste su due file separate da un passaggio largo circa m. 1,5 coperto da un pergolato metallico. L’architetto Genovese, subentrato al genio di Antonio Niccolini, il ricostruttore del Real Teatro di San Carlo, qui intervenne facendo erigere una lunga facciata che guarda verso il mare e poggiata sopra un alto basamento bugnato a guisa di baluardo. Alla sommità sistemò il giardino, la cui funzione fu quella di collegare dall’esterno gli appartamenti reali con il nuovo appartamento delle feste. La disposizione delle aiuole segue il disegno razionale del giardino all’italiana ed è costituito da dodici riquadri erbosi con un lungo pergolato che ricopre il passaggio centrale. La simmetria della suddivisione del  giardino, oltre a ripetersi nella forma delle aiuole è rispettata nella originalità della distribuzione delle piante.

Ultimamente il giardino pensile è stato oggetto di una ristrutturazione a cominciare dai marmi posti in opera intorno alla fontana centrale, tagliati uno ad uno, rispettando il disegno ad aquilone che crea un effetto geometrico che evidenzia la centralità della fontana.

Officina Marmi Italia

Officina Marmi Italia

Officina Marmi Italia

Il «nuovo vecchio» ponte di Palazzo Reale è stato perfettamente ricostruito sotto la direzione dell’architetto Enrico Gu­glielmo, ex soprintendente al Beni architettonici e paesaggistici, il quale ha seguito il disegno originale elaborato dall’ingegnere Gaetano Genovese. Collega il giardino pensile con l’appartamento reale e restituisce allo scenario del Palazzo reale l’antico splendore distrutto dai bombardamenti del 1943.

***

La ristrutturazione ha interessato anche il pergolato in molti punti sorretto dalle piante stesse. Si è proceduto all’eliminazione dei rampicanti ed alla loro completa sostituzione per due ordini di motivi: la poca coerenza sia storica che estetica dell’uso di diverse specie, dall’altro la scarsa affinità di portamento.
La presenza contemporanea di edera e buganvillea, l’immisione di sporadici gelsomini gialli creano un aspetto decisamente disordinato; probabilmente la bougavillea è di recente introduzione. Si è, pertanto, ristrutturato completamente il pergolato metallico, ripristinandolo nella sua forma e funzione di sostegno dell’impianto a verde con diverse specie di gelsomini quali: Jasminus azoricum, j. Polyanthum, officinale, J. primulinum. ecc. Le aiuole del lato verso il mare sono state allestite con specie arbustive con caratteristiche di buona resistenza ai venti marini.

 

 

Collegati qui ...

Giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Percorso Formativo
Sezione Primavera
Percorso Formativo
Scuola Infanzia
Percorsi Formativi
Scuola Primaria
Percorsi Formativi
Scuola Secondaria
Certificazioni

Storia di Napoli
Strutture dell'Istituto

Sedi Istituto

Storia dell'Istituto

Amministrazione Trasparente

Giornalino on-line

Albo Sindacale

Snodo Formativo Moricino
91149
visitatori